Allegato n.1

A seguito della riunione dei membri dell'Associazione "pen paper peace e.V."
del 15.12.2011

Statuto dell'Associazione pen paper peace e.V.
(include la modifica del 28.08.2011 in §2)

§1 Nome, sede, anno fiscale

(1) Il nome dell'Associazione "pen paper peace e.V."
(2) L'Associazione verrà registrata nel registro delle associazioni.
(3) A registrazione avvenuta, al nome dell'Associazione verrà aggiunta l'abbreviazione "e.V." ( in tedesco: "eingetragener Verein" = "associazione registrata").
(4) L'Associazione ha sede a Berlino.
(5) L'anno fiscale coincide con l'anno solare.

§2 Obiettivi e Intenti

(1) L'Associazione "pen paper peace e.V." persegue esclusivamente scopi benefici, in linea con la sezione "Intenti e facilitazioni fiscali" del Codice Civile.
Intenti dell'Associazione sono: la diffusione a livello internazionale di un principio di tolleranza e accoglienza nei confronti della cultura e del pensiero dei popoli, la cooperazione allo sviluppo.

L'obiettivo principale dell'Associazione è organizzare eventi informativi gratuiti tra gli studenti delle scuole. Questi eventi si svolgeranno durante le lezioni regolari o all'interno di giornate specifiche dedicate al progetto. Mediante esercizi interattivi, gli studenti e le studentesse avranno l'opportunità di conoscere la situazione economica, sociale e culturale di altri Paesi in via di sviluppo.

Il secondo obiettivo dell'Associazione è la costruzione di scuole e la fornitura di materiale didattico così come altre misure atte a favorire lo sviluppo sociale ed economico dei Paesi in via di sviluppo.

(2) L'Associazione non mette in prima linea i propri interessi economici.

(3) I fondi dell'Associazione possono essere utilizzati unicamente per raggiungere gli obiettivi esplicitati nello Statuto. I membri non ricevono alcun beneficio dall´Associazione.

(4) Non è possibile ottenere qualsivoglia compenso per servizi estranei alle finalità dell'Associazione, né una remunerazione troppo elevata. Tuttavia, l'Associazione ha la possibilità di assumere nuovi membri o personale esterno. E´ dunque permessa l'adeguata remunerazione degli amministratori, del direttore generale e delle altre figure professionali.

§3 Membri

(1) I membri dell'Associazione sono i soci ordinari, i soci sostenitori e i soci onorari.

(2) Può diventare membro a pieno titolo dell'Associazione qualsiasi persona fisica e giuridica che sia disposta a portare avanti gli obiettivi dell'Associazione, adempiendo ai propri doveri di membro.

(3) Il Consiglio Direttivo valuta a propria discrezione ogni domanda di adesione e non è tenuto a fornire motivazioni nel caso di respingimento della stessa.

(4) L'adesione all'Associazione deve pervenire per iscritto (tramite lettera o e-mail ) ai membri del Consiglio Direttivo. Non è prevista una quota associativa.

(5) L'Associazione può avvalersi dell'aiuto di soci sostenitori, per i quali si applica il regolamento contenuto nei paragrafi 2 e 3, Comma 4. I soci sostenitori pagano una quota associativa e hanno il diritto di essere informati regolarmente delle attività dell'Associazione. Hanno inoltre il diritto di partecipare alle assemblee generali e di partecipare alla convocazione di un'Assemblea Generale straordinaria ai sensi dell'articolo 6 Comma 3, ma senza diritto di voto. Ogni socio sostenitore è tenuto a pagare una quota di iscrizione, il cui importo è determinato durante l'assemblea generale.
Il socio sostenitore può essere esentato dal pagamento della quota associativa solo in caso di particolare impegno nei confronti dell'Associazione.

6) Il Consiglio Direttivo ha la facoltà di nominare membri onorari dell'Associazione. Essi hanno gli stessi diritti e doveri dei soci sostenitori ma sono tuttavia esentati dall'obbligo di versare contributi.

§4 Cessazione di appartenenza all´Associazione

(1) L'appartenenza all'Associazione in veste di membro termina in caso di a) uscita dall'Associazione, b) esclusione c) morte d) perdita del diritto di persona giuridica.

(2) L'uscita volontaria dell'Associazione deve essere comunicata per iscritto (per lettera o e-mail) al Consiglio Direttivo.

(3) Il Consiglio Direttivo ha la facoltà di decidere l'esclusione dall'Associazione per gravi inadempienze. Contro l'esclusione vige il diritto di opposizione da formularsi per iscritto (per lettera o per e-mail). Prima della decisione, l'interessato verrà convocato dal Consiglio. Dopo aver valutato il caso di esclusione, il membro interessato può convocare l'Assemblea Generale, durante la quale la maggioranza avrà eventualmente la facoltà di invertire la decisione del Consiglio Direttivo.

§5 Il Consiglio Direttivo

(1) Il Consiglio Direttivo è formato da tre membri (Art. 26 BGB).

(2) Il Consiglio Direttivo gestisce l'amministrazione dell'Associazione, che è rappresentata da ciascun membro del Consiglio in via giudiziale e stragiudiziale.

(3) Il Consiglio Direttivo viene eletto ogni 2 anni dall'Assemblea Generale. L’elezione viene condotta sulla base delle regole elettorali stabilite dall’Assemblea Generale.

(4) La durata del mandato del Consiglio Direttivo coincide con la conclusione dell'Assemblea generale.

(5) Le decisioni all'interno del Consiglio Direttivo vengono prese a maggioranza.

§6 L'Assemblea Generale

(1) Ogni nuova Assemblea Generale verrà annunciata durante l'ordine del giorno e verrà convocata per iscritto dal Consiglio Direttivo con almeno due settimane di preavviso.

(2) L'Assemblea Generale annuale verrà convocata una volta all´anno. I suoi compiti sono:

- l'ascolto delle decisioni del Consiglio Direttivo;
- l'esonero di responsabilità del Consiglio Direttivo;
- l'elezione di un nuovo Consiglio a seguito della fine del mandato del precedente;
- l'elezione di due revisori contabili;
- la determinazione delle quote associative;
- lo stabilire eventuali cambiamenti allo Statuto vigente.

(3) Il Consiglio Direttivo ha il diritto di convocare Assemblee Straordinarie. Questo avviene quando 1/3 dei soci oppure 1/3 dei membri ordinari ne fa richiesta formale. In questo caso è necessario un preavviso di almeno 4 settimane.

(4) Ogni membro ordinario ha diritto di votare per ciascuna decisione. A meno di cambiamenti dello Statuto o delle leggi vigenti, è la maggioranza a decidere tramite votazione. Eventuali astensioni non sono da considerarsi voti. Il voto di un membro può venire delegato ad un altro membro secondo le norme vigenti. La delega deve essere effettuata per iscritto e deve essere presentata durante l'Assemblea Generale prima della votazione. Ogni membro può ricevere un massimo di due deleghe. La delega al voto è ammissibile soltanto per un'unica Assemblea Generale.

(5) A seguito delle decisioni dell'Assemblea verrà stilato un protocollo, firmato da un membro del Consiglio Direttivo. Il Protocollo verrà messo a disposizione di tutti i membri.

(6) Per effettuare cambiamenti allo Statuto saranno necessari 2/3 dei voti. Le astensioni non sono da considerarsi voti validi. Il Consiglio Direttivo è autorizzato ad apportare tali modifiche su richiesta della Corte dei Conti o dell'Erario per ragioni fiscali.

(7) Per effettuare cambiamenti relativi allo scopo dell'Associazione o fine statutario saranno necessari 9/10 dei voti e l'approvazione del Consiglio Direttivo. Le astensioni non sono da considerarsi voti validi.

(8) L'Assemblea Generale può prendere decisioni solo se almeno la metà dei membri ordinari è presente. Se il numero legale non è presente, è possibile convocare un'altra Assemblea dopo un mese, indipendentemente dal numero dei membri presenti.

§7 Scioglimento dell´Associazione

(1) L'Associazione può essere sciolta con il consenso della maggioranza, a seguito dell'approvazione del Comitato Direttivo all'interno dell'Assemblea Generale. L'Assemblea ha potere decisionale solo se almeno 2/3 dei membri sono presenti. Se il numero legale non è presente, è possibile convocare un'altra Assemblea dopo un mese, indipendentemente dal numero dei membri presenti. La liquidazione sarà effettuata dal Consiglio Direttivo, a meno che l'Assemblea non nomini altri responsabili.

(2) In caso di scioglimento dell'Associazione o della perdita dei benefici fiscali, le attività dell'Associazione verranno cedute all´Associazione "Unsere kleinen Brüder und Schwester e.V." (= I nostri piccoli fratelli e sorelle"), la quale sarà tenuta ad utilizzare i proventi direttamente ed esclusivamente a scopi benevoli.

Berlino, 15.12.2011

Firmato: i membri del Consiglio Direttivo

Alissa Jung
Janin Reinhardt
Lisa Jaspers nata Bünger