Dal 2008, il nostro progetto SCUOLE PER HAITI sostiene le scuole St.Emma e St. Nicolas in una delle zone urbane più povere del mondo: lo slum Cité du Soleil di Port-au-Prince.

Dal momento che anche la scuola pubblica ha un costo fisso ad Haiti, il 25% dei bambini non ha accesso all'istruzione. Nelle nostre due scuole, St.Emma e St. Nicolas, ogni anno più di 600 bambini imparano gratuitamente a leggere e a scrivere. Oltre ad avere accesso all’istruzione, i bambini hanno la possibilità di vivere in un ambiente accogliente e di organizzare in maniera strutturata la loro giornata.

Nelle nostre scuole incentiviamo la diffusione del francese, lingua ufficiale dell’isola, tutt’oggi ancora scarsamente parlata da circa il 10% della popolazione a causa dell’alto tasso di analfabetismo. In famiglia, infatti, i bambini parlano soltanto creolo. La padronanza della lingua francese, invece, garantisce alle giovani generazioni haitiane l’accesso a maggiori opportunità lavorative, oltre ad essere uno strumento essenziale per lo sviluppo del paese e delle nuove classi dirigenti.

NPH - Germania è il nostro partner di fiducia. L’organizzazione è attiva sul campo ad Haiti da circa 25 anni e sostiene il sistema scolastico in collaborazione con la popolazione locale. In entrambe le scuole lavora esclusivamente personale haitiano, di conseguenza il progetto ha contribuito esso stesso a creare posti di lavoro e a sostenere l’economia locale.

st nicolas 1

Allo stesso tempo, SCUOLE PER HAITI vuole coinvolgere anche bambini e ragazzi tedeschi ed italiani, al fine di renderli consapevoli della situazione dei loro coetanei haitiani. Per questo motivo dal 2008 visitiamo le scuole, organizziamo degli scambi culturali e parliamo agli studenti europei di Haiti, a partire dalle somiglianze e le differenze nella vita quotidiana, fino ai temi dei diritti umani e dell'educazione.

Grazie all’appoggio delle scuole, gli studenti europei possono organizzare direttamente raccolte fondi per permettere ai bambini haitiani di andare a scuola. Tramite l’impegno diretto, i giovani imparano infatti a maturare una coscienza globale e ad acquisire capacità che saranno loro utili anche in altri contesti. L´aiuto per Haiti crea partecipazione e incentiva un confronto tra la loro posizione privilegiata e quella dei loro coetanei haitiani, aiutando di fatto i ragazzi europei a sviluppare una maggiore coscienza sociale.

Maedels